IPNOSI E CURE PALLIATIVE

Quando parliamo di cure palliative intendiamo gli interventi che si rivolgono a pazienti in fase avanzata o terminale di una malattia cronica oppure evolutiva. La legge 38 del 15 marzo 2010 tutela il diritto di ogni paziente di poter accedere alle terapie palliative e alle terapie del dolore. Fino a qualche anno fa, tuttavia, la pratica medica considerava gli interventi non finalizzati alla guarigione come una frontiera oltre la quale non era più legittimo parlare di medicina ufficiale. Dal punto di vista dell’etimologia del termine, palliativo origina dal latino “pallium“, il cui significato rimanda al velo, al mantello e, per estensione metaforica, al concetto di protezione. Lo scopo delle terapie palliative è proprio quello di proteggere la persona assicurandole la migliore qualità di vita possibile, intervenendo farmacologicamente per la riduzione del dolore, sostenendola attraverso tecniche per la gestione dei sintomi e dell’invalidità, fino a interventi diretti o indiretti per il supporto ai familiari. Le principali patologie per le quali sono richieste le cure palliative sono le malattie oncologiche, neurologiche, cardiologiche, respiratorie, renali e a questa amplissima categoria di pazienti vengono offerti servizi assistenziali non solo di tipo farmacologico ma in grado di abbracciare gli aspetti psicologici, emotivi e spirituali. Questa è la ragione per la quale risulta necessario per la medicina palliativa considerare strumenti e procedure terapeutiche capaci di integrare il rapporto mente-corpo. Uno dei dispositivi che può essere impiegato per accompagnare la persona in questa delicatissima fase di vita potrebbe essere l’ipnosi. Uno studio recente, realizzato presso l’Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza, nella città di Torino, ha supportato e verificato l’ipotesi che la trance ipnotica sia una tecnica di intervento in grado di portare benefici ai pazienti. In particolare, i pazienti coinvolti nella ricerca hanno sperimentato un buon livello di rilassamento, a cui si associano riduzioni di ansia, di dolore e dei deficit respiratori. Tali dati evidenziano che l’ipnosi può contribuire all’incremento della qualità di vita di questa categoria di pazienti, nell’ambito di una prospettiva integrata e complementare alla farmacologia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, definendo le terapie palliative e come “un approccio che migliora la qualità della vita dei malati e delle loro famiglie che si trovano ad affrontare le problematiche associate a malattie inguaribili, attraverso la prevenzione e il sollievo della sofferenza per mezzo di una identificazione precoce di un ottimale trattamento del dolore e delle altre problematiche di natura fisica, psico-fisica e spirituale”, ci offre alcuni dati che invitano alla riflessione. L’OMS stima, infatti, che i pazienti che necessitano di cure palliative sono compresi tra i quattro e i cinque milioni di persone con patologie oncologiche, a cui si aggiungono 100 milioni di pazienti che soffrono di altre patologie, senza dimenticare i loro familiari e i caregiver. Proprio sulla base di questi dati si fa strada la necessità di meditare sulle proposte più opportune da formulare a un’ampia categoria di persone accomunate da patologie inguaribili e da vissuti psicologici e emotivi unici, anche nella prospettiva di una inclusione degli strumenti più idonei per offrire sostegno in una fase della vita delicata tanto per i pazienti quanto, in modo diverso, dai cari impegnati nella loro assistenza. L’augurio è che ulteriori studi sperimentali possano validare inequivocabilmente i benefici dei dispositivi ipnotici quale sostegno nelle cure palliative, e che vengano messe in campo tutte le risorse necessarie per dare sollievo alla sofferenza, sfidando e vincendo i pregiudizi sull’ipnosi, talvolta ancora guardata con scetticismo.

Riferimenti bibliografici
Casale G., Calvieri A., Le cure palliative in Italia: inquadramento storico, Centro Antea, Roma, MEDIC 2014; 22(1): 21-26
Torresan M.M., MURO F., La comunicazione ipnotica nei pazienti in cure palliative ospedaliere, Pain Nursing Magazine 2015; 4: 65-72

About
La passione che nutro per l'ipnosi è nata, per caso, circa 20 anni fa da quel momento in poi mi sono dedicata all’approfondimento delle tecniche, dei fenomeni e delle manifestazioni ad essa collegati. Grazie all'ipnosi, durante la mia esperienza clinica, ho visto persone timide tenere conferenze, persone balbuzienti parlare perfettamente in pubblico, persone affette dalla fobia per i topi accarezzarli, persone che non uscivano più di casa prendere l'aereo. Potrei continuare a raccontare altri episodi, ma penso che sia più utile evidenziare come tutti gli esempi fatti hanno un fattore in comune: la capacità acquisita o recuperata delle persone di riuscire ad uscire, grazie al rapporto terapeutico e all'ipnosi , dai propri schemi comportamentali vecchi e disfunzionali e comportarsi come se il problema fosse già risolto. L'ipnosi strategica, che uso nel mio lavoro, assieme ad altri tipi d'ipnosi, si rifà all'Ipnoterapia Ericksoniana, all'Ipnosi dinamica e all’Ipnosi regressiva. Dopo la Laurea in Psicologia – ind. applicativo – conseguita presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, mi specializzo nella psicoterapia ad Approccio Breve Strategico, che si caratterizza per interventi brevi ed efficaci. Da anni utilizzo quotidianamente questo approccio insieme all’ipnosi, durante il percorso terapeutico l’attenzione non viene posta sul passato ma sul presente e sul futuro. Questo tipo di intervento si avvale di tecniche specifiche tra cui ricordo il Training Autogeno, la desensibilizzazione sistematica, l’ipnosi etc. In particolare l’ipnosi si è dimostrata un mezzo privilegiato per combattere l’ansia, affrontare disturbi alimentari e sessuali, contrastare la depressione e fronteggiare altri tipi di disfunzioni di natura psicologica come le ossessioni, l’insonnia e l’astenia. La psicoterapia ipnotica neo-ericksoniana, inoltre, valorizza le risorse interne dell’individuo, e grazie a ciò la persona mette in essere una ristrutturazione del suo mondo. La reale forza dell’ipnosi consiste nel permettere alla persona da un lato di accedere alla totalità delle sue risorse, dall’altro di sperimentare come sia possibile andare, senza l’aiuto di farmaci o di altre sostanze, al di là dei propri schemi comportamentali spesso obsoleti e disfunzionali. La psicoterapia ipnotica può essere applicata a bambini, agli adolescenti e agli adulti, e ai più svariati disagi e problemi, sempre rispettando la volontà del paziente. Oltre ad usare le tecniche di rilassamento e l’ipnosi in ambito clinico conduco presso l’Istituto per lo Studio Delle Psicoterapie corsi, riservati a medici e psicologi, per conduttori di Training Autogeno, Tecniche Ipnotiche e R.A.T.
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search