Ipnosi e dipendenza affettiva

La relazione di coppia è un accordo tra due persone che scelgono di condividere le reciproche esistenze impegnandosi nella direzione di progetti comuni. Le relazioni di coppia trovano fondamento nella negoziazione delle aspettative e delle responsabilità reciproche, nella condivisione di bisogni d esigenze, nella comunicazione assertiva di desideri e attese. Nell’insieme, tali fondamenti poggiano su valori impliciti, e cioè l’amore, il rispetto, la valorizzazione della diversità. Tuttavia, accade spesso che i legami di coppia vadano incontro a naufragi, che possono essere causati da una molteplicità di ragioni. Essenzialmente, potremmo dire che quando una coppia scoppia è perché sono venuti meno uno o più fondamenti del patto di fiducia che lega i partner oppure, ancor peggio, la coppia non poggia su un sistema valoriale condiviso.
Nei casi di dipendenza affettiva è proprio il sistema dei valori ad essere compromesso e, probabilmente, ad esserlo sempre stato, sin dagli esordi della relazione. In effetti, accade spesso di incontrare pazienti che manifestano bisogni sentimentali caratteristici, a cui si lega una precisa necessità emotiva, e che sono classificabili nella categoria dei “dipendenti affettivi”. Ma al di là di questa etichetta, cosa si nasconde? L’esperienza clinica suggerisce che le persone classificate come dipendenti affettive abbiano alle spalle un passato estremamente complesso. Frequentemente hanno avuto relazioni familiari scarsamente rassicuranti, le figure di attaccamento non di rado hanno trasmesso loro l’idea della pericolosità dell’ambiente esterno, inteso proprio come il mondo relazionale al di fuori del legame di dipendenza. Nel corso delle sedute in trance, spesso ho accolto e raccolto memorie antiche, connesse ad esperienze di disapprovazione, di affetto condizionato oppure negato, di tentativi di conquistare autonomia e indipendenza regolarmente frenati dalle figure di riferimento. L’insieme di tali pratiche educative può determinare un comportamento sottomesso, dipendente e spaventato da ogni separazione, soprattutto quando alla disapprovazione genitoriale per l’indipendenza si è unito un atteggiamento di ricompensa per il mantenimento della dipendenza. Spesso le caratteristiche della personalità affettivamente dipendente si palesano entro la prima età adulta e si manifestano in una molteplicità di contesti, dalla difficoltà alla presa in carico di decisioni quotidiane, alla difficoltà a mostrarsi in disaccordo con gli altri per la paura irrealistica di perdere supporto e approvazione, per finire con la sottomissione nei rapporti di coppia.
L’impiego di una psicoterapia combinata con l’ipnosi offre notevoli vantaggi a questa categoria di pazienti. Anzitutto, la terapia strategica nel setting verbale consente di procedere con la raccolta anamnestica e l’indagine della dimensione sociale e affettiva, attuale e pregressa, ponendo le basi per un trattamento espressivo-supportivo integrato con le esperienze in trance. Proprio attraverso le induzioni ipnotiche è possibile realizzare un intervento di consapevolezza e ristrutturazioni efficace ed efficiente, strategicamente orientato e breve nei tempi. In ipnosi le memorie arcaiche e i ricordi tornano accessibili alla persona che, guidata dal terapeuta, ha la preziosa occasione di approfondire gli atteggiamenti genitoriali, le relazioni oggettuali interiorizzate, esplorare ciò che ostacola il processo di separazione-individuazione e la creazione di una rete sociale equilibrata. Si offre, in questo modo, un setting privilegiato per la rielaborazione delle tematiche connesse alla dipendenza emotiva dal partner e, più in generale, dagli affetti, finalizzando l’intervento allo sviluppo e/o all’incremento della competenza decisionale autonoma e all’espressione dei propri bisogni e desideri.
Gli obiettivi che perseguo con i pazienti che presentano una dipendenza affettiva sono essenzialmente connessi al rafforzamento dell’Io nella direzione dell’accrescimento dell’autostima e all’aumento della capacità di tollerare la solitudine attraverso esperienze emozionali correttive, che costituiscono la base per la riformulazione delle credenze disfunzionali su cui poggiano i sintomi.

About
La passione che nutro per l'ipnosi è nata, per caso, circa 20 anni fa da quel momento in poi mi sono dedicata all’approfondimento delle tecniche, dei fenomeni e delle manifestazioni ad essa collegati. Grazie all'ipnosi, durante la mia esperienza clinica, ho visto persone timide tenere conferenze, persone balbuzienti parlare perfettamente in pubblico, persone affette dalla fobia per i topi accarezzarli, persone che non uscivano più di casa prendere l'aereo. Potrei continuare a raccontare altri episodi, ma penso che sia più utile evidenziare come tutti gli esempi fatti hanno un fattore in comune: la capacità acquisita o recuperata delle persone di riuscire ad uscire, grazie al rapporto terapeutico e all'ipnosi , dai propri schemi comportamentali vecchi e disfunzionali e comportarsi come se il problema fosse già risolto. L'ipnosi strategica, che uso nel mio lavoro, assieme ad altri tipi d'ipnosi, si rifà all'Ipnoterapia Ericksoniana, all'Ipnosi dinamica e all’Ipnosi regressiva. Dopo la Laurea in Psicologia – ind. applicativo – conseguita presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, mi specializzo nella psicoterapia ad Approccio Breve Strategico, che si caratterizza per interventi brevi ed efficaci. Da anni utilizzo quotidianamente questo approccio insieme all’ipnosi, durante il percorso terapeutico l’attenzione non viene posta sul passato ma sul presente e sul futuro. Questo tipo di intervento si avvale di tecniche specifiche tra cui ricordo il Training Autogeno, la desensibilizzazione sistematica, l’ipnosi etc. In particolare l’ipnosi si è dimostrata un mezzo privilegiato per combattere l’ansia, affrontare disturbi alimentari e sessuali, contrastare la depressione e fronteggiare altri tipi di disfunzioni di natura psicologica come le ossessioni, l’insonnia e l’astenia. La psicoterapia ipnotica neo-ericksoniana, inoltre, valorizza le risorse interne dell’individuo, e grazie a ciò la persona mette in essere una ristrutturazione del suo mondo. La reale forza dell’ipnosi consiste nel permettere alla persona da un lato di accedere alla totalità delle sue risorse, dall’altro di sperimentare come sia possibile andare, senza l’aiuto di farmaci o di altre sostanze, al di là dei propri schemi comportamentali spesso obsoleti e disfunzionali. La psicoterapia ipnotica può essere applicata a bambini, agli adolescenti e agli adulti, e ai più svariati disagi e problemi, sempre rispettando la volontà del paziente. Oltre ad usare le tecniche di rilassamento e l’ipnosi in ambito clinico conduco presso l’Istituto per lo Studio Delle Psicoterapie corsi, riservati a medici e psicologi, per conduttori di Training Autogeno, Tecniche Ipnotiche e R.A.T.

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search