Ipnosi e Gestione del Tempo

Il tempo è la risorsa più importante che abbiamo a disposizione e, per godere appieno della nostra vita, è necessario imparare come metterla a frutto con efficacia. In quanto risorsa, il tempo appartiene a quell’insieme di variabili che occorre gestire per ottimizzarne gli effetti. Gestire il tempo significa, infatti, godere di un tempo vissuto e non subìto, nel suo inesorabile scorrere. Molte persone rinunciano a progetti, momenti di svago, opportunità, sostenendo di non avere abbastanza tempo. Un’affermazione amara se si pensa che, in effetti, non avere più tempo significa morire. Ed è questa la ragione per la quale vi propongo un approfondimento sul tema della gestione del tempo e di come l’ipnosi possa agire nella direzione di restituire alla persona la capacità di riappropriarsi della risorsa più importante. L’argomento del tempo inoltre è strettamente connesso anche al tema della produttività: le condizioni di vita contemporanea ci impongono una maggior attenzione verso il tema dell’efficacia e della produttività individuale. Una vera e propria sfida che è possibile vincere. L’ipnosi può aiutare le persone nei processi di individuazione e perseguimento degli obiettivi di vita, contribuendo parallelamente a rafforzare il senso di soddisfazione personale. La demotivazione, infatti, è un fattore in grado di produrre una condizione esistenziale di rinuncia, alla base di credenze disfunzionali patogene che portano ad astensione e abbandono.
Vediamo in che modo un percorso psicologico abbinato ai dispositivi ipnotici possa guidare le persone a una migliore gestione del tempo e della loro produttività.
La pratica dell’ipnosi rende possibile affrontare al meglio situazioni nuove o emotivamente cariche riducendo gli effetti dello stress sul nostro organismo e favorendo il miglioramento del tono dell’umore. A partire da tale constatazione, supportata da numerose ricerche condotte dalla comunità scientifica in questo ambito, è possibile recuperare le giuste energie per sviluppare una vita più profonda e funzionale, incrementando positivamente le nostre prestazioni. Tutti noi, ogni giorno, siamo chiamati a dare il nostro meglio in una molteplicità di ambiti, e la via per raggiungere gli obiettivi passa per l’aumento della auto-determinazione e della motivazione, di pari passo con l’eliminazione della tendenza a procrastinare e ad auto-commiserarsi. E solo quando abbiamo a disposizione la calma necessaria per guardare lucidamente dentro noi stessi e alle condizioni sociali, lavorative, affettive, familiari che ci circondano, possiamo realisticamente darci delle priorità in grado di orientare le scelte, la produttività, il nostro tempo di vita. In effetti, stabilire le priorità è un passo fondamentale per una efficace gestione del tempo. Se vi rendete conto di saltare da una attività all’altra, e questo vi rimanda la spiacevole sensazione di non aver portato a termine nulla oppure di essere sempre in emergenza rispetto alle scadenze, probabilmente l’adeguatezza delle priorità stabilite (consapevolmente oppure inconsciamente) è scarsa o assente. Attraverso il lavoro in trance è possibile accedere ai contenuti intimi e inconsci connessi alla nostra vera natura, allo scopo di portarli in superficie e realizzarli nella nostra vita.
L’ipnosi, inoltre, rende anche possibile aumentare le nostre performance nell’ambito dell’apprendimento. In particolare, esistono specifici training di potenziamento delle capacità di ritenzione e recupero dei dati in memoria, finalizzati proprio a incrementare le abilità di apprendimento. Alcuni ricercatori si sono occupati di questo tema e le ricerche in ambito neuroscientifico confermano che il pattern di attivazione cerebrale durante l’apprendimento e la memorizzazione in stato di ipnosi sono diversi da quelli normalmente impiegati quando siamo in stato di veglia. Le implicazioni di queste evidenze sottolineano come gli stimoli ricevuti durante la trance possiedono requisiti di maggiore intensità e vividezza rispetto a quanto accadrebbe se quegli stessi stimoli fossero presentati stato di veglia.

Riferimenti bibliografici
Penfield W, Erikson L. 1941 Epilepsy and cerebral localization– Springfield
Halsbad U. Learning in Trance: Functional brain imaging studies and neuropsychology, Journal of Physiology. 2006;99:470-482.

About
La passione che nutro per l'ipnosi è nata, per caso, circa 20 anni fa da quel momento in poi mi sono dedicata all’approfondimento delle tecniche, dei fenomeni e delle manifestazioni ad essa collegati. Grazie all'ipnosi, durante la mia esperienza clinica, ho visto persone timide tenere conferenze, persone balbuzienti parlare perfettamente in pubblico, persone affette dalla fobia per i topi accarezzarli, persone che non uscivano più di casa prendere l'aereo. Potrei continuare a raccontare altri episodi, ma penso che sia più utile evidenziare come tutti gli esempi fatti hanno un fattore in comune: la capacità acquisita o recuperata delle persone di riuscire ad uscire, grazie al rapporto terapeutico e all'ipnosi , dai propri schemi comportamentali vecchi e disfunzionali e comportarsi come se il problema fosse già risolto. L'ipnosi strategica, che uso nel mio lavoro, assieme ad altri tipi d'ipnosi, si rifà all'Ipnoterapia Ericksoniana, all'Ipnosi dinamica e all’Ipnosi regressiva. Dopo la Laurea in Psicologia – ind. applicativo – conseguita presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, mi specializzo nella psicoterapia ad Approccio Breve Strategico, che si caratterizza per interventi brevi ed efficaci. Da anni utilizzo quotidianamente questo approccio insieme all’ipnosi, durante il percorso terapeutico l’attenzione non viene posta sul passato ma sul presente e sul futuro. Questo tipo di intervento si avvale di tecniche specifiche tra cui ricordo il Training Autogeno, la desensibilizzazione sistematica, l’ipnosi etc. In particolare l’ipnosi si è dimostrata un mezzo privilegiato per combattere l’ansia, affrontare disturbi alimentari e sessuali, contrastare la depressione e fronteggiare altri tipi di disfunzioni di natura psicologica come le ossessioni, l’insonnia e l’astenia. La psicoterapia ipnotica neo-ericksoniana, inoltre, valorizza le risorse interne dell’individuo, e grazie a ciò la persona mette in essere una ristrutturazione del suo mondo. La reale forza dell’ipnosi consiste nel permettere alla persona da un lato di accedere alla totalità delle sue risorse, dall’altro di sperimentare come sia possibile andare, senza l’aiuto di farmaci o di altre sostanze, al di là dei propri schemi comportamentali spesso obsoleti e disfunzionali. La psicoterapia ipnotica può essere applicata a bambini, agli adolescenti e agli adulti, e ai più svariati disagi e problemi, sempre rispettando la volontà del paziente. Oltre ad usare le tecniche di rilassamento e l’ipnosi in ambito clinico conduco presso l’Istituto per lo Studio Delle Psicoterapie corsi, riservati a medici e psicologi, per conduttori di Training Autogeno, Tecniche Ipnotiche e R.A.T.
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search